domenica 8 dicembre 2019

Farhadi: Tutti abbiamo una stanza del tesoro nel nostro inconscio


Devo essere stato incredibilmente semplice, ubriaco o pazzo
da sgattaiolare nella mia casa e rubare soldi,
scavalcare il recinto e prendere le mie verdure.
Ma non più. Mi sono liberato di quel pugno ignorante
che stava pizzicando e torcendo il mio io segreto.

L'universo e la luce delle stelle mi attraversano.
Sono la falce di luna sollevata.

                           Rumi (persiano)






Il regista iraniano due volte premio Oscar Asghar Farhadi ha condiviso le sue esperienze con i giovani registi cinesi nella sua lezione tenuta all'Hainan Island International Film Festival (HIIFF), concentrandosi sulla parte "inconscia" delle sue opere creative. Ha anche risposto a domande sulla creatività nel cinema da parte della stampa, tra cui CGTN Digital.


Nel 2012, il suo film "Una separazione" è stato proiettato nelle sale cinematografiche cinesi ed è risultato molto popolare. Abbiamo notato che molti dei suoi film si concentrano su drammi familiari, la classe media e le donne, è così?

Asghar Farhadi: le  relazioni familiari sono universali in tutto il mondo. Ogni volta che parliamo di famiglia, parliamo di questioni sociali, perché tutti i problemi sociali sono concentrati nelle relazioni familiari.

Direi che ci sono due parti nel processo di scrittura delle mie sceneggiature. C'è una parte inconscia e una parte cosciente. Penso che tutti abbiamo una stanza del tesoro dentro di noi, e questa stanza del tesoro, questo database che abbiamo è inconscio. Ad esempio, prendiamo "About Elly": fin da bambino, ho sempre avuto una scena nella mia mente. Un ragazzo è di fronte al mare, indossa un trench e i suoi vestiti sono bagnati. Sta guardando il mare. Questa scena è rimasta nella mia mente per diversi anni. Non so da dove venisse; sarei curioso di sapere chi è il ragazzo al mare e perché i suoi vestiti siano bagnati. Se è appena uscito dal mare, perché non si è tolto i vestiti? È perché sua moglie è annegata nel mare e non è riuscito a salvarla? Ci ho pensato ancora e ancora. E questo è solo un punto di partenza; la storia stessa esiste. Cerco queste storie, queste persone durante la mia creazione. Ci sono molte pietre nella montagna. Quando scolpisci una pietra, stai solo togliendo la statua dalla pietra. Ho queste storie nella mia testa, quindi il mio compito è trovarle.

L'unica cosa di cui abbiamo bisogno è la password per accedere alla casa del tesoro inconscia. Questa password è solo una scintilla: è solo un'immagine, una parola che innesca l'accesso all'inconscio. 

Per "Una separazione", ricordo esattamente come è iniziato tutto. È stato il giorno in cui mio fratello mi ha raccontato una storia e descritto una scena: mio nonno aveva l'alzheimer e mio fratello si stava prendendo cura di lui. 

Mi ha raccontato il momento in cui lo ha portato in bagno e ha iniziato a lavarlo. E a causa del dramma del momento, a causa di quanto era dispiaciuto per lui, ha abbracciato mio nonno e ha pianto. 

L'immagine di questo momento tra questi due uomini è stata davvero ciò che ha innescato in me l'intera sceneggiatura. Quindi, ho giusto iniziato con questa immagine - un uomo che lava suo padre -, pensando se poteva essere un fotogramma del mio film, quindi dovevo immaginare: da dove vengono, come mai sta lavando suo padre, chi è sua moglie, dov'è lei e chi sono i suoi figli? È così che inizia tutto, come a grappolo. I personaggi sono venuti tutti dal mio inconscio e alla fine mi è venuta in mente l'intera sceneggiatura.

Quindi, direi che c'è una sorta di magnetismo. Hai una prima idea, una scintilla e poi tutti gli altri pezzi della memoria pervengono e si attaccano a quella prima parte. È solo una volta che ho la struttura, questa idea generale che viene dall'inconscio, che la mia coscienza inizia davvero a elaborare di più a partire da essa, una scena dopo l'altra.



Molte persone si lamentano che i film al giorno d'oggi non sono validi come i film prodotti decenni fa, perché secondo lei?

Asghar Farhadi:  In molti luoghi si sente dire che la qualità dei film prodotti un tempo è molto maggiore di quella dei film di oggi. L'ho sentito in Francia, Italia, Giappone e Cina. Penso che con lo sviluppo della scienza le cose, di tutti i tipi, stanno diventando sempre più accessibili. Abbiamo tutti i tipi di abilità e attrezzature, ma poche persone usano la stanza del tesoro inconscia; forse è per questo.

Le opere realizzate dall'inconscio possono facilmente connettersi con l'incoscienza degli altri. Il pubblico può facilmente relazionarsi. C'è un vecchio detto persiano, "Le cose che provengono dal cuore possono toccare il cuore di un'altra persona".

In molti dei tuoi film, spesso non espliciti chiaramente il finale. Vuoi dare al pubblico un pensiero razionale o una guida emotiva?

Asghar Farhadi:  Penso che dovremmo usare i nostri sentimenti per sentire i film, quindi quando faccio un film, uso i miei sentimenti per associarmi al mio pubblico. Dopo che la produzione cinematografica è terminata, il mio pensiero inizia. Anche il pubblico, che ha guardato il film con sentimento, quando finisce di guardare il film dovrebbe iniziare a pensare. I film toccano i nostri cuori. Ci rendono tristi e felici. Quando realizzo un film, alla fine del film, riduco la trama sentimentale e lascio pensare il pubblico di più. Se noti, la musica alla fine dei miei film è la più vivace, per niente triste.

La coppia divorzierà alla fine di "Una separazione"? Con chi vivrà la bambina, suo padre o sua mamma?

Asghar Farhadi:  Ad essere sincero, faccio anch'io parte del pubblico. Vedo quello che vedete voi e non ho segreti. La fine del film è l'inizio di una nuova storia. Ogni persona può creare la propria storia per questa bambina sulla base della propria esperienza di vita. La storia di ciascuno è giusta perché l'esperienza di vita di ognuno è diversa. Non è un gioco con il pubblico. Non si tratta di scegliere tra papà o mamma; ma dell'attitudine a scegliere una vita.



Fa delle prove con i suoi attori e attrici prima di girare?

Asghar Farhadi: La mia esperienza è ricca di teatro, quindi provo prima di filmare. Per "About Elly", abbiamo provato quattro mesi prima delle riprese. Quando proviamo, metto da parte la sceneggiatura per conoscere meglio i miei attori e attrici. Ho fatto le stesse prove in Spagna e Francia. Anche se la lingua non è la stessa, attori e attrici provano lo stesso. È un'esperienza nuova per loro. Quando inizio a girare, la cosa più importante è ancora interagire con i miei attori e attrici. Tutto il resto è secondario. E questo tipo di prove funziona davvero. Ad esempio, l'attrice dodicenne che ha interpretato il ruolo della figlia in "Una separazione" ha trascorso molto tempo con suo "padre" nel film durante le prove. Hanno mangiato e guardato film insieme. Ha anche trascorso molto tempo con la troupe. Quando abbiamo girato, sembravano un vero padre e una figlia. Le prove possono essere strane, ma funzionano.


Le poesie di Rumi sono molto popolari negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Alcuni dicono che il 95% degli iraniani sono poeti. È vero?

Asghar Farhadi:  Penso che anche il restante 5% siano poeti. La poesia è molto importante nella nostra cultura. Ciò non significa che le persone parlino di poesia quando camminano per la strada. Significa che vedono le cose dal punto di vista di un poeta. Ciò è dovuto alla nostra bellissima lingua persiana. Anche la parola 'ciao' in persiano ha significati meravigliosi. L'alcol è proibito nella cultura musulmana, ma nella nostra cultura ci sono molte poesie sul vino. In inglese un bicchiere di vino è solo 'bicchiere di vino', ma esistono diverse parole per indicare un bicchiere di vino in persiano.


Hai mai pensato di diffondere idee creative inconsce in altri paesi?

Asghar Farhadi:  In Cina, non ho molte scene e ricordi nella mia stanza del tesoro inconscia, quindi preferirei fare film in Iran. Fare film all'estero è solo un'esperienza per me.


Asghar Farhadi è nato nel 1972 in Iran. Si è interessato al cinema quando era un adolescente e ha iniziato la sua formazione cinematografica entrando a far parte della Youth Cinema Society di Esfahan nel 1986, dove ha realizzato cortometraggi di 8mm e 16mm. Ha conseguito la laurea in teatro presso la School of Dramatic Arts dell'Università di Teheran nel 1998 e alcuni master in regia teatrale alcuni anni dopo.

Farhadi ha debuttato alla regia con "Dancing In The Dust" nel 2003, e un anno dopo ha realizzato "Beautiful City". Il suo terzo film, "Fireworks Wednesday", ha vinto il Gold Hugo al Chicago International Film Festival del 2006. Il suo quarto film, "About Elly", realizzato nel 2009, ha vinto l'Orso d'argento come miglior regista al 59° Festival Internazionale del Cinema di Berlino e il miglior film al Tribeca Film Festival. È stato anche il candidato ufficiale dell'Iran al concorso per il miglior film straniero degli Academy Awards nel 2009. Il suo film successivo, "Una separazione", è diventato un caso sensazionale nel 2011. Ha ottenuto il plauso della critica all'interno e all'esterno dell'Iran. Roger Ebert l'ha definito "il miglior film dell'anno" e ha ricevuto sia l'Orso d'oro che l'Orso d'argento come miglior attore e migliore attrice al Festival internazionale del cinema di Berlino. Il film ha anche vinto il premio come miglior film straniero dalla Boston Society of Film Critics, dalla Chicago and Los Angeles Film Critics Association, dal New York Film Critics Circle, dal National Board of Review, ai Golden Globes, ai Cesar Award, all'Independent Spirit Award e, infine, l'Oscar per il miglior film straniero dell'anno, che lo ha reso il primo regista iraniano a vincere un Oscar.

Farhadi ha realizzato il suo sesto film "Il passato" in Francia. L'attrice principale Berenice Bejo ha vinto il premio per la migliore attrice al Festival di Cannes. "Il passato" è stato anche nominato per un Golden Globe per il miglior film in lingua straniera e ha vinto il premio per il miglior film in lingua straniera del National Board of Reviews. Il film è stato anche nominato in cinque categorie del Cesar Film Festival, tra cui Regia, Miglior sceneggiatura e Migliore attrice. Il suo film del 2016, "Il cliente", ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura al 69° Festival di Cannes e ha portato a casa il secondo Oscar per l'Iran nella categoria Miglior film straniero.

Nessun commento:

Posta un commento